La passione è tanta. Il tempo per ciò che fa, è ben speso. La soddisfazione lo appaga. In sintesi pochi concetti, per descrivere Mario Salvatore, l’ospite di oggi a Radio Catalan. Parlare con Mario, non può che far piacere. Meglio conosciuto come Mario Zello, nei luoghi e dalle persone che lo conoscono e che frequenta. Mario, è persona umile, disponibile e sempre pronta alla battuta. Di professione già falegname, oggi pensionato, poco disposto al non far niente. Dunque, una (passione – obi) oggi, che lo vede cimentarsi, nel costruire nasse, cesti, cestini di ogni dimensione con materiali quali giunco e verghe di olivastro, che intrecciate e cucite, un tempo con filo di cottone ed oggi con il nylon, era uno dei tanti mezzi di sopravvivenza, dei pescatori che ne facevano uso. Mario Zello, ormai ci piace chiamarlo così, durante l’intervista di oggi a Radio Catalan, spiega come è riuscito curiosando ad apprendere quest’arte (oggi), e con non poche difficoltà, ad innamorarsi a tal punto, che il suo tempo libero, lo dedica completamente alla realizzazione di questi oggetti, che tanto profumano di storia della marineria non solo nostrana.

Condividi: